77° GP Liberazione, dal 25 al 27 aprile il festival delle due ruote

46

E’ stata presentata nella Centrale Montemartini la 77esima edizione del Gran Premio della Liberazione di ciclismo. Noto a livello internazionale come il “Mondiale di Primavera”, l’evento sarà una sorta di antipasto dell’ultima tappa del 107° Giro d’Italia, che andrà in scena il 26 maggio. La storica corsa ciclistica su strada organizzata dal Terenzi Sport Eventi, inserita nel calendario della UCI e della FCI, si svolgerà come di consueto sul tradizionale tracciato delle Terme di Caracalla, e prevede una serie di gare agonistiche e aperte a tutti, per una partecipazione prevista di oltre 2.000 ciclisti. Il festival delle due ruote, da giovedì 25 a sabato 27 aprile, ha in programma cinque gare agonistiche: giovedì 25 la gara riservata agli Under 23 (ore 14) e quella Donne Elite (ore 9) salita quest’anno alla categoria 1.1; venerdì 26, alle ore 15, la gara per gli amatori, la “Urbis et Orbis Cup” su un percorso di 5 chilometri da ripetere 12 volte;  sabato 27 la prova maschile Juniores (ore 9.30) e le prove maschili delle categorie Allievi (ore 12.30) ed Esordienti (ore 15.30). Nella tre giorni, inoltre, si svolgeranno le prove di gimkana e short track e il 25 aprile, alle ore 12, partirà la Bike4Fun, la pedalata libera che coinvolgerà centinaia di studenti dei licei romani, di cittadini e turisti lungo un percorso che in parte ricalcherà quello delle gare agonistiche, toccando punti iconici della Capitale.

Il 26, invece, novità di queta edizione, si svolgerà una corsa podistica di 10 chilometri con partenza alle 18.30 da via delle terme di Caracalla, che ricalcherà il percorso della gara ciclistica. In viale delle Terme di Caracalla, dal 25 al 27 aprile, sarà aperto il Villaggio (ingresso gratuito – dalle 10 alle 20) dove si potranno conoscere i protagonisti delle gare, visitare gli stand e partecipare alle diverse iniziative collaterali sul tema della mobilità sostenibile, dell’ educazione stradale, dello sviluppo delle sportcity, del cicloturismo e dell’urban cycling. Marta Bastianelli, la ciclista di Lariano (Roma) campionessa mondiale ed europea in linea, ritiratasi dall’attività a fine 2023, sarà sulla linea di partenza quale madrina dell’evento.