Roma città dell’acqua: i tre obiettivi e le quattro strategie del Campidoglio

36

Roma per estensione, popolazione, presenze giornaliere in continuo aumento ma anche per l’importanza che riveste l’acqua nell’utilizzo, gestione e tutela, è un unicum ineguagliabile in Europa. Per questo, dal punto di vista delle strategie e delle politiche, la matrice “acqua” riveste un ruolo cruciale. Il Campidoglio ha elaborato un piano in collaborazione con Acea, di nuove politiche mirate a una maggiore sostenibilità. Complessivamente l’investimento è di 2 miliardi di euro. In Aula Giulio Cesare, al convegno “Roma, città dell’acqua”, promosso dall’Assessore ai Lavori Pubblici e Infrastrutture Ornella Segnalini, tra i relatori, è stato discusso il piano di azioni. Sono intervenuti il sindaco Roberto Gualtieri, l’Assessora all’Ambiente, Agricoltura e Ciclo dei rifiuti Sabrina Alfonsi, oltre a un panel di relatori, istituzionali e scientifici che, a diverso titolo, contribuiscono in modo determinante alla gestione della risorsa. Presenti anche rappresentati di enti di gestione e tutela dell’acqua che operano a favore del corretto utilizzo e a protezione della risorsa, anche in collaborazione con Roma Capitale. In questa sede è stata anche promossa la candidatura di Roma ad ospitare il prossimo World Water Forum nel 2027, il più importante evento pubblico mondiale di confronto, discussione e riflessione sui temi dell’acqua, alla presenza del Comitato di selezione del World Water Forum Council.

CARATTERISTICHE DI ROMA

Roma con i suoi 1.385 kmq è la seconda capitale europea per estensione territoriale, seconda soltanto a Londra (1.500 kmq), per non proporre, addirittura, confronti incommensurabili quali quello con Parigi (105 kmq) o Milano (181,8 kmq). In termini presenze giornaliere, Roma supera ormai i quattro milioni e mezzo di persone, di cui 2,8 milioni di residenti (Parigi ne ha 2,1 milioni) e con il Giubileo questo numero è destinato ad aumentare. Roma ha una rete stradale di circa 8.000 km a cui corrispondono in maniera direttamente proporzionale 3.242 km di rete fognaria e 6.900 km di rete idrica. Parigi, la capitale dimensionalmente più vicina per popolazione residente: ha 1.700 km di strade, 2.300 km di rete fognaria e 2.000 di rete idrica. Roma è su sette colli, passa da un’altezza massima di 141 metri a Monte Mario per scendere ai 13 sul livello del mare di Piazza del Pantheon, è il Comune costiero più grande in Europa (con 20 km di costa tirrenica), è attraversata da 56 km di Tevere e ha un reticolo idrografico tra i maggiori d’Europa.

IL PIANO DI AZIONI

Obiettivi:

– Vivibilità, intesa come capacità di garantire la vita dell’ecosistema urbano.

– Circolarità dell’uso delle risorse, adottando modelli di consumo e produzione maggiormente sostenibili, basati sull’utilizzo efficiente e rinnovabile della risorsa acqua.

– Resilienza al cambiamento climatico, declinato in termini di riduzione della vulnerabilità delle sue aree urbane e incremento della resilienza alle minacce e ai danni derivanti dai cambiamenti climatici, alluvioni, siccità, scarsezza della risorsa idrica.

Strategie già avviate:

1.  Interventi costanti di manutenzione di tutte le reti e del territorio, dal reticolo idrografico minore più soggetto a collasso alle caditoie a rischio ostruzione, dalla individuazione delle reti fognarie e idriche più critiche quanto a numerosità di guasti alla catalogazione delle cavità sotterranee per un costante e preventivo intervento sulle eventuali voragini.

2.  Riduzione delle perdite di rete, mediante tutti i possibili interventi da parte di ACEA in campo idrico: “distrettualizzazione”, sostituzione di tratti ammalorati della rete idrica, abbassamento della pressione di esercizio. Negli ultimi anni a Roma le perdite sono passate dal 43% al 27,8% (media Italia 42%).

3.  Realizzazione della seconda linea dell’acquedotto del Peschiera, che attraversa territori a rischio sismico.

4.  Moltiplicazione dei soggetti che insieme alle strutture comunali operano nel settore dell’acqua per creare sinergie con enti e istituzioni come già avviato con la Regione Lazio Roma Capitale e con la Città Metropolitana. Lo scopo è che la città possa avvalersi di ACEA per manutenere e ampliare la rete esistente portando infrastrutture alle zone periferiche ancora sprovviste, anche mediante fondi di bilancio e del Consorzio di bonifica che opera nella area agricola romana, che può diventare un ulteriore partner nella realizzazione di opere di difesa idraulica e di manutenzione del reticolo idrografico minore.

Investimenti:
Ammontano a circa 2 miliardi di euro gli investimenti nel settore idrico destinati alla Capitale. Suddivisi in:

* 1,4 miliardi di euro sono quelli indirizzati a ridurre le perdite delle reti idriche e ad approvvigionare la città in sicurezza (1,2 miliardi per realizzare la più grande opera europea in questo settore: la realizzazione della seconda linea dell’Acquedotto del Peschiera, a cui si aggiungono le risorse del PNRR, 50 milioni di euro per ridurre le perdite, e altri 150 milioni, per un approvvigionamento sicuro anche a fronte delle oscillazioni climatiche);

* oltre a questi fondi, circa 45 milioni sono destinati al rischio alluvione;

*infine, altri 500 milioni di euro sono destinati, sia tramite investimenti da tariffa del piano investimenti ACEA ATO 2, sia tramite fondi di bilancio comunale, a realizzare impianti idrici e fognari nelle aree periferiche di Roma ancora sprovviste (Fosso dell’Osa, Tragliatella, Cava Pace, fosso San Giuliano), a manutenere le attuali reti di distribuzione idrica, a potenziare il sistema di depurazione, a intervenire costantemente con la manutenzione programmata su una selezione “ragionata” e a maggior rischio delle 330.000 caditoie presenti sulle strade comunali.