Il Lazio si candida per ospitare il Festival delle Regioni 2026

63

Ospitare l’edizione 2026 del Festival delle Regioni. È l’obiettivo che si propone la Regione Lazio con una memoria di Giunta, a firma del presidente Francesco Rocca. Il Festival delle Regioni, la cui prima edizione si è svolta a Milano il 5 e il 6 dicembre del 2022, sta assumendo un’importanza rilevante nel contesto italiano tanto da diventare un appuntamento nazionale, permanente, ospitato con frequenza annuale da una regione o da una provincia autonoma. Dal 30 settembre al 3 ottobre 2023 si è tenuta in Piemonte la seconda edizione mentre nel 2024 sarà la Puglia a ospitare la terza edizione. La Regione Lazio ha manifestato interesse a proporre la propria candidatura per l’edizione 2026. Per tale motivo è stata predisposta una proposta di dossier, denominato ‘Position paper’ di supporto alla candidatura del Lazio all’edizione 2026 del Festival delle Regioni ‘Il futuro è innovazione’.

Nel dossier vengono elencati una serie di motivi per scegliere il Lazio, sede delle più importanti aree di ricerca, sviluppo e innovazione in Italia con eccellenze di livello mondiale: tre distretti tecnologici, cinque parchi scientifici e il “Rome Technopole”; oltre 60mila impiegati nel settore, 21 centri di ricerca nazionali. Il Lazio – con 36 atenei tra pubblici e privati, 4 policlinici, 8 IRCSS, 59 teatri, 6 siti UNESCO, 35 aree e parchi archeologici, 250 musei e gallerie d’arte – è tra le prime regioni italiane per numero di ricercatori, università ed enti pubblici e privati di ricerca. Vanta la presenza di numerosi festival, tra cui la Festa del Cinema di Roma. Nel settore audiovisivo detiene una leadership consolidata a livello nazionale ed è la seconda regione in Europa per investimenti nel settore dopo Berlino-Brandeburgo. È la regione di nove settori di eccellenza che si caratterizzano per gli alti livelli di ricerca e innovazione: aerospazio, agrifood, automotive, blue economy, green economy, industrie culturali, scienze della vita, sicurezza, patrimonio culturale e tecnologie della cultura. Il Lazio, infine, ospita le principali istituzioni nazionali ed europee.