Tor Bella Monaca, altri guai per l’investitore di Don Coluccia

67

Di nuovo guai, per “l’investitore” del prete antimafia Don Antonio Coluccia. Dopo l’episodio in cui aveva tentato di ferire il prete durante una marcia per la legalità lo scorso agosto, Sergio Del Prete è tornato sotto i riflettori. Del Prete è stato infatti denunciato a piede libero dopo essersi reso protagonista di un’altra serie di azioni illegali: durante un controllo al Parco della Pace, nel quartiere di Tor Bella Monaca, gli agenti hanno cercato di identificare Del Prete, ma questi si è sottratto al controllo e ha aggredito i due agenti prima di tentare la fuga. Insieme ad altre due persone, stava tentando di rubare alcune biciclette quando è stato intercettato dalle forze dell’ordine. La segnalazione è giunta dai residenti del quartiere che hanno avuto sospetti sulle attività illecite in corso. Gli agenti del VI Gruppo Torri sono intervenuti prontamente e, nonostante la resistenza opposta da Del Prete, sono riusciti a bloccarlo e ad accompagnarlo in caserma, dove è stato denunciato per resistenza a pubblico ufficiale e altri reati. La situazione si è complicata ulteriormente a seguito dell’apertura di un fascicolo per il tentato omicidio in relazione all’episodio in cui aveva tentato di investire Don Coluccia. Nel corso delle indagini, sono stati ritrovati una mannaia e un martello nello zaino del ventinovenne. Nonostante la gravità dei fatti, il gip che ha convalidato l’arresto ha escluso l’accusa di tentato omicidio, ma Del Prete è rimasto in carcere con l’accusa di lesioni e resistenza a pubblico ufficiale, nonostante la contrarietà del diretto interessato, Don Coluccia.