Scuola, un nuovo nido a Tor Fiscale: investimento da 1,2 milioni di euro

59

Un nuovo asilo nido e il recupero di un locale comunale abbandonato sono il frutto di un’intesa tra assessorati ai Lavori pubblici e alla Scuola. Approvata dalla Giunta una memoria che prevede la riconversione di un vecchio edificio dismesso del 1939 di proprietà comunale in una scuola che potrà ospitare 20 bambine e bambini. La struttura sarà realizzata a Tor Fiscale nel Municipio VII e avrà un costo stimato di 1,2 milioni euro. All’approvazione della memoria seguirà la progettazione e i lavori inizieranno nel 2024. L’edificio sarà rifunzionalizzato tenendo in debita considerazione tutti i possibili elementi di innovazione e sperimentazione connessi ai più evoluti orientamenti educativi, anche con riferimento alle modalità didattiche di outdoor education e perseguendo la massima adesione alle istanze di sicurezza, sostenibilità ambientale e risparmio energetico, che dovranno costituire i principi fondanti dell’intervento.

Per l’assessora ai Lavori pubblici Ornella Segnalini “L’asilo di Tor Fiscale si aggiunge ai nidi finanziati con il Pnrr, contribuendo a colmare il gap in termini di fabbisogno di posti, in un Municipio molto popoloso. Di particolare interesse, inoltre, è anche il luogo in cui viene realizzato: si recupera una vecchia preesistenza degli anni ’30 rifunzionalizzandola e dotandola di elementi di innovazione connessi ai più evoluti orientamenti educativi. È un nuovo servizio per la comunità e al tempo stesso un’operazione di salvaguardia e tutela”. Per l’assessora alla Scuola, formazione e lavoro Claudia Pratelli “ogni nuovo nido è un passo avanti nella lotta contro le diseguaglianze sociali e di genere. Oggi abbiamo previsto un altro nido per la nostra Capitale, per arricchire l’offerta educativa e rendere sempre più Roma una città a misura di bambine e bambini, che supporta i genitori e sostiene l’emancipazione delle donne. A Tor Fiscale presto avremo 20 posti in un nido nuovo, all’avanguardia sul piano della sostenibilità ambientale ed energetica ed innovativo su quello educativo. Sono orgogliosa della scelta fatta e condivisa da tutta la Giunta”.