Vittime degli incidenti sul lavoro, l’evento in Campidoglio per tenere accesi i riflettori

63

Si è celebrata la 73ª Giornata Nazionale per le Vittime degli Incidenti sul Lavoro – istituzionalizzata con Dpcm nel ’98 su richiesta dell’Anmil (Associazione fra Lavoratori Mutilati e Invalidi del Lavoro) – sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica. L’evento principale della Giornata si è svolto nella Sala della Protomoteca in Campidoglio, dove si sono ritrovati, oltre al Presidente nazionale Anmil Zoello Forni, al Sindaco di Roma Roberto Gualtieri, al Presidente Anmil di Roma Claudio Betti, al Presidente Anmil del Lazio Alberto Verzulli, all’Assessore al Personale, Polizia locale, Enti locali e Sicurezza urbana, Luisa Regimenti in rappresentanza del Presidente della Regione Lazio, le massime istituzioni in materia. “Il tema degli incidenti sul lavoro costituisce una vera e propria emergenza nazionale – ha sottolineato il Sindaco Gualtieri – che mostra la sua drammatica realtà con numeri che ancora una volta ci colpiscono perché dietro ognuno di essi c’è una persona. Emerge un quadro molto grave e per questo l’Anmil fa molto bene a tenere alta la guardia, con la sua opera meritoria, anche nell’assistenza ai familiari, davanti a quella che non possiamo che definire una strage”. Il primo cittadino ha esortato a ”investire sulla cultura della sicurezza, anche attraverso la testimonianza diretta delle persone vittime di incidenti sul lavoro” e in particolare a ‘‘promuovere la legalità nel settore dell’edilizia’‘.

Su questo ultimo aspetto ha portato come esempio il protocollo sottoscritto con le parti sociali per i lavori del Giubileo. Al convegno in Campidoglio hanno partecipato il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Marina Elvira Calderone; il Ministro delle Imprese e del Made in Italy, Adolfo Urso; il Direttore generale della Comunicazione e dei Rapporti Europei e internazionali, Sergio Iavicoli, delegato dal Ministro della Salute Orazio Schillaci. Presenti anche il Presidente della Commissione parlamentare di inchiesta sulle condizioni di lavoro in Italia del Senato della Repubblica, Tino Magni; il Presidente Commissione parlamentare di inchiesta sulle condizioni di lavoro in Italia della Camera dei Deputati, Chiara Gribaudo; la Coordinatrice Assessori Lavoro Conferenza delle Regioni, Alessandra Nardini; il Presidente del Civ Inail, Guglielmo Loy; il Commissario Straordinario Inail, Fabrizio D’Ascenzo; il Direttore dell’Ufficio Oil per l’Italia e S. Marino, Gianni Rosas; il Direttore Generale del Terzo Settore al Ministero del Lavoro, Alessandro Lombardi; il Presidente dell’Ordine dei Consulenti del Lavoro, Rosario De Luca; il Presidente Formedil (Ente Unico Formazione e Sicurezza) in rappresentanza del Presidente Ance (Associazione Nazionale Costruttori Edili), Elena Lovera; il Segretario Confederale Cisl, Giorgio Graziani; la Segretaria Confederale Uil, Ivana Veronese; il Responsabile Salute e Sicurezza Cgil, Sebastiano Calleri; il Direttore delle Politiche Sindacali e del Lavoro Confartigianato Imprese, Riccardo Giovani.