Tor Bella Monaca, arriva il primo presidio per il contrasto dell’abbandono scolastico

65

Un protocollo d’intesa tra scuole, servizi sociali e associazioni del terzo settore nel solco della coprogettazione e dell’interprofessionalità che istituisce il primo presidio multidisciplinare per il contrasto della povertà educativa e della dispersione scolastica a Tor Bella Monaca. Lo hanno siglato, a fine giugno, nell’ambito della più ampia sperimentazione di Tornasole, cantiere educativo a sostegno di bambini, studenti, genitori e insegnanti di Roma Est, gli istituti scolastici IC Melissa Bassi e IC Via Acquaroni, la cooperativa sociale Antropos, le associazioni Cubo Libro e Pianoterra, il centro accoglienza minori Borgo Ragazzi Don Bosco e l’associazione Crescendo in libertà insieme alla Direzione Socio Educativa del Municipio Roma VI delle Torri.

“Si tratta – spiega Alessandro Telloni, fondatore della cooperativa sociale Antropos, ente capofila del progetto Tornasole, promotrice del protocollo – di un atto formale e al tempo stesso operativo molto importante, che arriva a due anni dall’avvio di Tornasole e di quell’azione congiunta svolta sul territorio insieme alle scuole che ci ha permesso di entrare maggiormente in contatto con le difficoltà vissute dai minori beneficiari del progetto e di focalizzare meglio i bisogni del territorio e la natura degli interventi da realizzare”. Il protocollo è infatti uno dei risultati raggiunti attraverso Tornasole, il progetto che si sviluppa nei Municipi V, VI e VII di Roma per rinsaldare la comunità educante mediante un’alleanza strategica tra scuola, istituzioni e associazioni del territorio per il contrasto del fallimento formativo e della dispersione scolastica. Promosso dalla Fondazione Paolo Bulgari e avviato nella primavera del 2020 in pieno lockdown, Tornasole è oggi un intervento quadriennale co-finanziato anche da Impresa sociale Con i Bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile, sviluppato e attuato sul campo da un partenariato di cinque attori territoriali – Cooperativa Sociale Antropos a Tor Sapienza, Borgo Ragazzi Don Bosco a Centocelle, Associazione daSud a Cinecittà, Associazione culturale Cubo Libro e Pianoterra a Tor Bella Monaca –, una rete di 14 scuole di diverso ordine e grado (cinque primarie, una scuola media statale, tre istituti comprensivi, quattro Istituti superiori e un Cpia) e supportato dall’associazione IF-Imparare Fare, che svolge funzioni di accompagnamento alla riflessione pedagogico-formativa.

“Frutto di una lunga concertazione – prosegue Telloni – il protocollo va dunque nella direzione della coprogettazione e dell’interprofessionalità auspicata da Tornasole. La nuova sfida sarà lavorare insieme affinché gli obiettivi di intervento non rimangano solo sulla carta ma diventino una realtà virtuosa effettiva. In questo senso, il protocollo ci consentirà da un lato di lavorare ancora di più in sinergia, potendo contare su un filo diretto con i servizi sociali e su uno scambio continuo e costante di competenze e professionalità, e dall’altro di costruire e fornire una risposta comune e condivisa, più efficace e protratta nel tempo, a sostegno delle situazioni più difficili e capace di tenere insieme scuola, extra scuola e famiglie”. L’idea innovativa che propone il protocollo, lungo tre anni scolastici, è quella di creare un presidio multidisciplinare tra scuole, servizi sociali e terzo settore con il coinvolgimento e il contributo attivo di insegnanti, educatori, assistenti sociali e psicologi. Più nel dettaglio, il protocollo si propone di facilitare la concertazione tra le istituzioni socio-educative e il dialogo tra enti istituzionali e informali del territorio con particolare riferimento alla gestione delle situazioni più delicate, problematiche e quindi a rischio, nonché di favorire percorsi positivi di cambiamento. Prevista la formazione di un’équipe multiprofessionale, che sarà composta da cinque assistenti sociali del Municipio Roma VI, da un rappresentante di ogni scuola che partecipa al protocollo e da un rappresentante per ognuno degli enti del terzo settore sottoscriventi. L’equipe si riunirà con cadenza bimestrale alternativamente presso le scuole partner.