Calcio, 40 anni dal secondo scudetto della Roma: un libro lo celebra

128

Nel 40° anniversario della vittoria dello scudetto della Roma, l’aula Giulio Cesare in Campidoglio ha ospitato la presentazione del libro ‘Campioni’. Scritto da Giorgio Martino, Roberto Pruzzo, Francesco Goccia, Marco Gialloreti e Marianna Monello racconta le gesta della squadra giallorossa campione d’Italia nella stagione 1982/83. All’evento, organizzato dalla X Commissione Sport di Roma Capitale in collaborazione con la Presidenza dell’Assemblea capitolina, sono intervenuti alcuni protagonisti di quella indimenticabile stagione: i calciatori Ubaldo Righetti, Franco Superchi, Emidio Oddi; il viceallenatore Luciano Tessari; il dottor Ernesto Alicicco dello staff medico; Riccardo Viola, figlio di Dino Viola presidente della Roma del secondo scudetto.

“Celebriamo i 40 anni dalla conquista dello scudetto della As Roma. È doveroso onorare pagine sportive importanti della nostra città. Rendiamo omaggio ai protagonisti e a tutti i componenti della squadra giallorossa di quella magnifica stagione, ancora oggi ricordati con affetto ed emozione, a partire dal presidente Dino Viola e dall’allenatore, il Barone Nils Liedholm. Il 1983 fu tra l’altro un anno sportivo incredibile per Roma, con il doppio scudetto nel calcio e nel basket, per una gioia collettiva che ancora ci rende orgogliosi. Ringrazio gli autori del volume ‘Campioni’ perché ci raccontano e fanno rivivere un momento storico per l’As Roma”, ha affermato la Presidente dell’Assemblea capitolina Svetlana Celli. “Oggi vogliamo celebrare una squadra vincente che ci ha regalato delle emozioni memorabili, facendoci sentire parte di una impresa straordinaria. Dopo aver ricordato lo storico scudetto conquistato sempre quell’anno nel basket, oggi vogliamo festeggiare i ‘ragazzi’ di mister Nils Liedholm autori di una strepitosa stagione calcistica. Si tratta di campioni che hanno reso grande la nostra città, in un momento storico davvero magico per Roma, e che hanno segnato la storia del calcio per personalità, forza e carisma. Sono stati punto di riferimento per intere generazioni, in un periodo in cui i calciatori non erano ancora superstar milionarie ma soltanto veri sportivi. E sono certo che, per la ricercatezza dello stile e per la precisione nella tecnica, quelle prodezze saprebbero suscitare ancora il boato dei tifosi” ha detto il Presidente della Commissione Sport, Ferdinando Bonessio. Hanno partecipato all’evento i consiglieri capitolini Federico Rocca e Daniele Parrucci. A portare il saluto, in qualità di tifosi romani e romanisti, anche la campionessa di nuoto Alessia Filippi, il pugile Emiliano Marsili e l’attore Antonio Giuliani.