Genitori soli con figli minori, approvate linee guida per programmi di sostegno

116

La Giunta Capitolina ha approvato le Linee guida per programmi di semiautonomia per nuclei monoparentali costituiti da madri o padri con figli minori. La delibera, informa il Campidoglio, si è resa necessaria per l’aumento dei nuclei formati da genitori soli: 3 milioni di famiglie su 25 milioni e non solo madri, ma anche molti padri.

I programmi di semiautonomia dovranno garantire il diritto del minore a non essere separato dal proprio genitore. Saranno quindi attivati progetti di inclusione che coinvolgeranno le agenzie educative, del lavoro e dell’abitare. Finalità immediata, ottenere “risposte di accoglienza (in casi emergenziali) e percorsi più stabili che prevedano case alloggio e case famiglia”.

Viene così istituito un presidio fondamentale per la prevenzione del disagio sociale dei nuclei monogenitoriali più fragili, offrendo sostegno educativo al minore e supporto alla genitorialità.

“Abbiamo voluto”, spiega l’assessora alle Politiche Sociali e alla Salute Barbara Funari, “affrontare il tema dei nuclei monogenitoriali, creando un sistema strutturato che faccia tesoro delle esperienze già attive e sperimentate. L’obiettivo è sostenere le famiglie monoparentali nel quotidiano, per arrivare poi ad accompagnarle verso la piena autonomia e l’inserimento sociale. Ogni situazione ha la sua storia e, in collaborazione con i Municipi e le reti cittadine, proveremo a individuare le risposte più adatte per evitare la separazione dei bambini dal genitore e combattere così le diseguaglianze sociali”.