Roma celebra il maestro Armando Trovajoli con una mostra

206

“È una gioia e un onore, per il Comune di Roma, promuovere una mostra dedicata ad Armando Trovajoli nel decennale della sua scomparsa. Dobbiamo tutti moltissimo a questo compositore dall’immaginazione musicale fervida e gentile e dalla grande raffinatezza armonica e melodica. Grazie a queste doti, Trovajoli è riuscito a creare nella sua lunga carriera un’enorme quantità di straordinari brani musicali, canzoni e melodie che hanno accompagnato alcune pagine indimenticabili di cinema e teatro e si sono impressi nella memoria collettiva”. Così Roma, attraverso le parole del Sindaco Roberto Gualtieri, accoglie l’esposizione dedicata al Maestro Armando Trovajoli.

Fino a domenica 14 maggio le sale del Museo di Roma in Trastevere ospiteranno “Armando Trovajoli, una leggenda in musica”, mostra promossa e prodotta da Roma Culture, Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, presentata in Campidoglio. Ad introdurre i dettagli dell’esposizione Alessandro Nicosia, curatore e organizzatore della mostra insieme a Mariapaola Trovajoli.

“Il Ponte della Musica è stata la prima dedica della città al Maestro – ha sottolineato l’assessore alla Cultura Gotor – e l’esposizione al Museo di Roma in Trastevere vuole essere un nuovo omaggio a una personalità che ha avuto un rapporto straordinario con la nostra città, permettendo alla tradizione romana di essere conosciuta e apprezzata in tutto il mondo”.

“Ho avuto la fortuna di ammirare l’archivio privato del maestro, – ha raccontato ancora Gualtieri – un vero e proprio viaggio nella storia del cinema e della musica. Appare superfluo sottolineare quanto tale patrimonio culturale meritasse di essere valorizzato e fatto conoscere. Sono felice che Mariapaola Trovajoli abbia messo a disposizione della città documenti, immagini e ricordi così privati e significativi”.

 

Ad ospitare la mostra il Museo di Roma in Trastevere, che negli ultimi anni si è caratterizzato, secondo la Direttrice della Direzione Musei Civici della Sovrintedenza Capitolina Ilaria Miarelli Mariani, “come laboratorio culturale estremamente dinamico, molto apprezzato dai giovani”. “Mi ha colpita – spiega – un’intervista in cui il Maestro Trovajoli si definiva ‘giovane dentro’. Il museo di Trastevere è il luogo ideale per far entrare in contatto i nostri ragazzi con un interprete eccezionale che ha portato la tradizione romana ad avere un respiro internazionale”.

Alla presentazione della mostra ha partecipato anche l’attore Valerio Mastandrea, definito da Mariapaola Trovajoli “uno dei pochi attori anche umano”. Tanti gli aneddoti raccontati relativi al rapporto “nonno-nipote” tra Mastandrea e Trovajoli (che in lui trovò uno strepitoso Rugantino).