Municipio VI, revocato l’incarico all’Assessora alla Cultura Rita Pomponio

493

La revoca dell’incarico. L’ha deciso per Rita Pomponio Nicola Franco, presidente del Municipio Roma VI. L’esponente di Fratelli d’Italia ha tolto con un’ordinanza l’incarico di Assessora alla cultura alla giornalista e scrittice, notaper la sua conoscenza del patrimonio storico-archeologico delle Torri.

Sentito dalla testata Roma Today, Franco ha commentato: “È venuto a mancare il rapporto di fiducia. L’incarico di assessore si assegna su base fiduciaria, lo dice il regolamento”. Nessun commento, invece, da Pomponio.

“Rapporti tesi e gestione non condivisa con il presidente sarebbero le reali motivazioni della ‘rottura’ tra Pomponio e Franco. Nei giorni scorsi anche un alterco tra l’ex assessora e il presidente del consiglio municipale. Il tema del dibattito il bando dell’Estate Romana delle Torri 2022”, scrive il quotidiano online.

“Sarà stata una casualità – scrive il Movimento 5 stelle del Municipio su Fb – il fatto che L’Assessora alla Cultura è stata mandata via dopo il grave episodio a suo danno avvenuto settimana scorsa in commissione Cultura? E il giorno prima della commissione trasparenza? Tutte e due le commissioni erano sul bando ‘Estate Romana delle Torri 2022’.
La settimana scorsa durante lo svolgimento della commissione Cultura l’ormai ex-Assessora, a cui va la nostra solidarietà, è stata aggredita verbalmente in maniera vergognosa da un esponente della maggioranza, nonché Presidente del Consiglio Antonio Villino, che è stato tenuto da altri membri della Commissione per evitarne anche un’aggressione fisica. Questo grave episodio di violenza deve essere punito ma invece per il Presidente del Municipio va tutto bene ed addirittura caccia la Pomponio. Oggi in Commissione Trasparenza emerge che la stesura del bando viene modificato dagli uffici su richiesta di persona diversa dall’Assessore. Ma forse è questo il vero motivo di un’aggressione prima e una cacciata poi?? Ossia il non voler sottostare ad un Diktat…
Eppure loro sono quelli bravi”.