Casino dell’Aurora, va deserta l’asta della villa con l’affresco di Caravaggio

146

E’ andata deserta l’asta per aggiudicarsi il Casino dell’Aurora, la dimora storica di Roma famosa per ospitare al suo interno l’unico affresco esistente di Caravaggio. L’offerta base era stata fissata a 471 milioni di euro e per partecipare era necessario versare una cauzione pari al 10% del prezzo offerto e, comunque, presentare un’offerta non inferiore ai 353 milioni di euro. L’immobile ora torna sul mercato il 7 aprile con il prezzo di vendita ribassato del 20 %. La nuova base d’asta è stata fissata dal Tribunale a 377 milioni di euro.

Nei giorni scorsi si era parlato di un interessamento alla gara da parte di Bill Gates e del sultano del Brunei. Nel frattempo è stata lanciata anche una petizione affinchè l’italia eserciti il diritto di prelazione dello Stato sull’acquisto della Villa. Il Casino dell’Aurora con circa 2800 mq di superficie è infatti un vero e proprio polo museale.

Otre all’affresco di Caravaggio “Camerino di Giove Nettuno e Plutone o Gabinetto alchemico”, che da solo ha un valore stimato di circa 300 milioni di euro, all’interno del villino vi sono anche cinque sale affrescate dal Guercino oltre a sculture, stucchi, statue, colonne. La struttura fa parte di Villa Ludovisi e all’origine della vicenda c’è la disputa sull’eredità tra gli eredi del principe Nicolò Boncompagni Ludovisi, proprietario della dimora, morto nel 2018.