A Fontana Candida fermi i lavori del playground

20305

Sono mesi che il cantiere dove era previsto il progetto di “playground” dal Coni è abbandonato ed è diventato una discarica a cielo aperto, non è bastata la rete messa per proteggere l’area che è stata rotta. In questa situazione lo spazio è anche pericoloso. Sono sei le aree previste dal coni comprese tra via delle Due Torri e Piazzale Van Gogh, ma dopo gli scavi archeologici il cantiere è stato sospeso.

Dal municipio fanno sapere che inizialmente il sito per la costruzione del “playground” era stato identificato a Ponte di Nona ma le indagini archeologiche hanno fatto spostare l’attenzione a Fonata Candida. Il playground sarà uno spazio allestito di giochi dedicati a grandi e piccoli, sarà vicino la sucola di via Millet così che i bambini ne possano usufruire.
Dal municipio fanno sapere che “Il Covid ha sicuramente rallentato i lavori degli scavi che sono stati ultimati e che non hanno evidenziato nulla che possa fermare il cantiere. Il Coni ha inviato la relazione al Mibact per il ‘nulla osta’ dopo gli scavi e i cantieri dovrebbero riprendere a breve”.

I lavori dovevano essere conclusi entro dicembre dello scorso anno i finanziamenti risalgono al 2016 ma come sempre nella Capitale non si sa a chi spetta vigilare.