Dopo 14 anni riapre l’Arena del Teatro Tor Bella Monaca

20270

Dopo 14 anni dall’ultimo spettacolo riapre l’Arena del Teatro di Tor Bella Monaca, con un programma della “Festa del Cinema di Roma” e Museo delle Periferie. La festa del Cinema di Roma passa anche per la periferia utilizzando anche uno spazio culturale chiuso per troppo tempo.

“Finalmente il teatro torna a prendere vita e a popolarsi di persone, era in disuso da 14 anni e questo è il completamento di una delle grandi incompiute che ci siamo trovati” – ha detto la sindaca di Roma, Virginia Raggi. “Abbiamo lavorato con grande determinazione perchè per noi è fondamentale ridare vita alle strutture ferme, abbandonate che possono creare luoghi di aggregazione e punti di incontro e sono fucine di cultura. Ci sta bene la distanza dal centro ma non è pensabile che Roma non curi le sue periferie. Qui avevamo un punto di principio: dovevamo riaprire questo posto”.

Continua la sindaca – “Potere riaprire luoghi dove si fa cultura e dare nuovi spazi, ci consente di offrire un respiro e una speranza. Dobbiamo continuare, nel rispetto delle nuove norme, a cercare di dare un segno di speranza. Questa arena la restituiamo ai cittadini e rimarrà qui per loro. Dalla prossima primavera ed estate tornerà a essere un luogo vivo e pulsante. E’ importante riportare le persone a teatro e soprattutto farlo in periferia”.

Un’apertura, quella dell’Arena del Teatro di Tor Bella Monaca, “risultato di un lavoro di squadra che va avanti da anni” – ha sottolineato Laura Delli Colli, presidente di Fondazione Cinema per Roma. “Quest’anno abbiamo puntato forte sull’uscita all’Auditorium e ad allargare la festa a tutta la città. Auguro a questo spazio di riempirsi sempre di più. Ogni volta che si accende uno schermo – ha proseguto – è sempre una festa ma farlo in una parte di Roma che merita di essere frequentata sempre di più dà il senso di questa serata”. Per il vicesindaco e assessore alla Cultura di Roma Capitale, Luca Bergamo la riapertura dell’Arena “è la riconquista di uno spazio. Ciascuna persona ha diritto a partecipare a una vita culturale ricca e deve farlo in maniera accessibile”.

Il programma delle proiezioni è stato “Disco Ruin – 40 anni di Club Culture”, un altro documentario intitolato “Siamo in un film di Alberto Sordi?” e si è chiuso con lo spettacolo “L’Amore non si sa”, e il documentario “Porto Rubino – Storie, canzoni e lupi di mare”.