DPCM 14 luglio 2020: le novità e cosa cambia

20244

Gli allegati 9 (le linee guida per la riapertura delle Attività Economiche, produttive e Ricreative») e 15 (recante le Linee guida per l’informazione agli utenti e le modalità organizzative per il contenimento della diffusione del covid-19 in materia di trasporto pubblico) sono sostituiti dall’Allegato 1 (Linee guida per la riapertura delle Attività Economiche, Produttive e Ricreative) e Allegato 2 (Linee guida per l’informazione agli utenti e le modalità organizzative per il contenimento della diffusione del covid-19 in materia di trasporto pubblico).

Quali le misure che restano:

-Obbligo per i soggetti con infezione respiratoria caratterizzata da febbre (maggiore di 37,5° C) di rimanere presso il proprio domicilio e contattare il proprio medico curante;

-Ai bambini e ai ragazzi era consentito l’accesso ai luoghi destinati ad attività ludiche, ricreative ed educative, al chiuso o all’aperto, con l’ausilio di operatori e con obbligo di adottare protocolli di sicurezza conformi le linee guida;

-Confermata la sospensione o chiusura dei servizi educativi e delle attività didattiche in presenza nelle scuole di ogni ordine e grado, comprese le università, ferma la possibilità di svolgimento di attività formative a distanza e lo svolgimento degli esami di stato.

-Consentiti gli spettacoli aperti al pubblico in sale teatrali, da concerto e cinematografiche o all’aperto, ma con posti preassegnati, nel rispetto della distanza interpersonale e con un numero massimo consentito di spettatori: rimangono sospesi gli eventi che implicano assembramenti in spazi chiusi o all’aperto;

-Rimane l’obbligo sull’intero territorio nazionale di usare protezioni delle vie respiratorie nei luoghi chiusi accessibili al pubblico, inclusi i mezzi di trasporto e in tutte le occasioni in cui non sia possibile garantire continuativamente il mantenimento della distanza di sicurezza. Non sono soggetti all’obbligo i bambini al di sotto dei sei anni, nonché i soggetti con forme di disabilità non compatibili con l’uso continuativo della mascherina o i soggetti che interagiscono con i predetti;

Le novità:
La mascherina continuerà ad essere obbligatoria, discorso diverso per i guanti, che non saranno più necessari dal momento che, se non utilizzati in un maniera adeguata, “possono rappresentare un rischio di contagio aggiuntivo”.
Confermata la sospensione dei voli da 13 Paesi a rischio
• Armenia
• Bahrein
• Bangladesh
• Brasile
• Bosnia Erzegovina
• Cile
• Kuwait
• Macedonia del Nord
• Moldova
• Oman
• Panama
• Perù
• Repubblica Dominicana