Ziantoni: “il nuovo sistema di differenziata attivo soltanto nella zona di Fontana Candida; entro fine anno telecamere su Tor Bella Monaca”

INTERVISTA A KATIA ZIANTONI ASSESSORE ALL’AMBIENTE, MOBILITÀ, DECORO URBANO, PATRIMONIO, BENESSERE E TUTELA DEGLI ANIMALI

20449

Riferendosi al nostro Municipio, può dire che il nuovo sistema di raccolta differenziata rappresenti la soluzione a queste nostre problematiche? E soprattutto, quanto tempo ci vorrà prima che il nuovo sistema vada a regime cancellando gli effetti che vediamo quotidianamente sul nostro territorio nonché il malcontento popolare?

  • Il nuovo sistema di raccolta è attivo da ieri (domenica 8 Luglio) in una sola zona del Municipio VI, Fontana Candida, pertanto non è possibile parlare oggi di miglioramenti. Si può invece dire che per disincentivare il fenomeno degli abbandoni il Municipio VI ha ottenuto un incremento dei centri mobili di raccolta con avvio, tutte le domeniche, della raccolta dedicata agli sfalci e alle potature. Un calendario che dovrebbe essere ulteriormente incrementato con previsione di giornate aggiuntive. Inoltre, per far fronte alla massiccia “migrazione dei rifiuti” sui quartieri che oggi hanno la raccolta stradale (Ponte di Nona e Colle degli Abeti) sono stati introdotti dei turni intermedi dedicati allo svuotamento e alla pulizia intorno ai contenitori stradali, per evitare l’accumulo degli stessi sui marciapiedi. I risultati sono già visibili.

Il 23 Luglio il sistema di raccolta con TAG verrà esteso anche al quartiere Due Leoni mentre prosegue la consegna dei kit e delle locandine informative nelle altre zone. Entro dicembre il nuovo modello sarà esteso a tutto il Municipio. I primi dati reali sulla raccolta si avranno tra 1 mese, mentre dopo la prima settimana si potrà rilevare un primo bilancio del servizio. Ci auguriamo che, grazie alla regolarità del servizio, alla tracciabilità dei rifiuti e al censimento delle utenze fantasma cambi anche il modello culturale e la mentalità degli utenti. AMA deve dimostrare di essere all’altezza, ma occorre anche “un patto” con i cittadini perché tutto funzioni.

Dove sono, sono entrati in funzione gli ispettori dell’AMA che avrebbero dovuto vigilare nei confronti dei comportamenti incivili delle persone?

  • Gli ispettori sono operativi nella prima zona dove il nuovo servizio di raccolta è stato attivato, ovvero a Fontana Candida. Girano inoltre a rotazione su tutto il territorio.

Sul territorio del nostro Municipio, ci sono diversi luoghi che fungono da discariche (ovviamente abusive) a cielo aperto con tonnellate di rifiuti di ogni genere. Questo mese, What’s Up Media ha trattato il caso della discarica in Via S’Alessio in Aspromonte, in zona Rocca Cencia tra la via Casilina e la via Prenestina. Quali rimedi può attuare il Municipio nei confronti di questi fenomeni?

  • Da circa una settimana due funzionari della Polizia Locale, su disposizioni del Comando centrale e a supporto di AMA, sono stati impiegati esclusivamente nel controllo del territorio per prevenire e contrastare i fenomeni di abbandono. In pochi giorni sono state elevate decine di sanzioni e sequestrati 4 mezzi. Stiamo aspettando i prossimi aggiornamenti per pubblicare i dati. Chiederemo che queste attività proseguano e soprattutto siano costanti, anche a fronte delle nuove assunzioni. I punti sorvegliati sono frutto di un lavoro condiviso con AMA al fine di mappare i siti cd “sensibili”. Via Sant’Alessio in Aspromonte rientra in questa mappatura e rappresenta una delle situazioni più gravi in termini di illegalità non solo per i reati ambientali, ma per gli abusi edilizi commessi in passato dalle comunità rom presenti nella zona. Questo “censimento”, realizzato dall’assessorato Municipale, è stato consegnato circa un anno fa nelle mani del Vice Prefetto, in occasione degli osservatori sulla sicurezza, per porre l’attenzione su quella che i cittadini chiamano la “Terra dei fuochi di Roma est”. Da allora la Prefettura ha coordinato con gli uffici le attività di prevenzione su gommisti, autolavaggi e attività commerciali, ma si tratta di interventi a spot, noi chiederemo che si applichino misure straordinarie di controllo e contrasto per porre fine ai numerosi reati ambientali rimasti da sempre impuniti sul territorio. Entro fine anno verrà espletata la gara per la fornitura e il posizionamento delle telecamere su Tor Bella Monaca, per le quali abbiamo vinto, come Municipio VI, il bando indetto della Regione Lazio. A queste si aggiungerà la possibilità, per i cittadini, di caricare, loggandosi al sito del Comune di Roma, i video dei cd “zozzoni”.