Blitz dei Carabinieri in via Mengaroni: 9 denunce

44

I Carabinieri, unitamente al personale di Ater Roma e dei tecnici delle società Acea Ato2, Areti spa e Italgas, hanno svolto un servizio straordinario di controllo, finalizzato alla prevenzione e al contrasto di ogni forma di illegalità e degrado, presso gli stabili di edilizia popolare ubicati in largo Ferruccio Mengaroni e via Paolo Ferdinando Quaglia. Sono 171 gli appartamenti di proprietà del comune di Roma che sono stati controllati dai Carabinieri per arginare il fenomeno delle occupazioni abusive e degli allacci illeciti alle reti di distribuzione delle utenze di luce, acqua e gas. L’attività, condivisa in sede di comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica presieduto dal Prefetto Lamberto Giannini, rientra nell’ambito di una strategia di contrasto a situazioni di degrado, abusivismo e illegalità, predisposta dal Comando Provinciale dei Carabinieri di Roma. Ad esito delle verifiche, i Carabinieri hanno scoperto 7 allacci abusivi alla rete elettrica, alla rete idrica e a quella della distribuzione del gas per cui gli occupanti degli appartamenti interessati sono stati denunciati per furto. Con l’ausilio del personale tecnico delle società di distribuzione gli allacci abusivi sono stati immediatamente rimossi ed è stata data comunicazione all’amministrazione comunale.

I Carabinieri della Stazione Roma Tor Bella Monaca hanno anche denunciato due donne per occupazione abusiva di immobile poiché sorprese ad abitare in appartamenti senza averne titolo per cui è stata avanzata richiesta di sequestro preventivo degli immobili. I Carabinieri hanno riaffidato al personale di “Ater Roma” sette immobili e due locali condominiali di un edificio in largo Ferruccio Mengaroni trasformati dai residenti di altri edifici in locali deposito. Contestualmente, gli stessi Carabinieri di Roma Tor Bella Monaca, su delega della Procura della Repubblica di Roma, in ottemperanza a un decreto di revoca di sequestro preventivo, hanno sgomberato e restituito al Dipartimento delle politiche abitative del comune di Roma 4 immobili di edilizia residenziale pubblica. Gli immobili, tre in via dell’Archeologia e uno in via A. Aspertini, in precedenza occupati da persone che non ne avevano titolo, sulla base delle indagini dei Carabinieri erano stati sequestrati preventivamente.