Piazza del Campidoglio protagonista della performance dello youtuber Klaus

164

Piazza del Campidoglio ha fatto da scenografia al video per una performance di Tudor Laurini, in arte Klaus.

Artista e youtuber di 25 anni, sta collaborando con l’ufficio del Parlamento Europeo in Italia nel quadro della campagna di comunicazione per il nuovo spazio “Esperienza Europa- David Sassoli”, che si è inaugurato lo scorso 17 febbraio.

Il video, girato all’alba e della durata di circa 40/50 minuti, consiste in un djset che alterna riprese dell’artista che suona dietro ad un tavolo appositamente disegnato per l’occasione, e immagini relative a luoghi circostanti, per contestualizzare la performance. La troupe, d’intesa con la Sovrintendenza capitolina, ha girato immagini di contorno anche all’interno dei Musei capitolini e in particolare nella sala Orazi e Curiazi.

Il video verrà presentato al pubblico nell’ambito di una campagna di comunicazione ad hoc a cura del Parlamento europeo, che permetterà una promozione trasversale che avrà al cuore Roma.

Chi è Tudor Laurini, in arte Klaus

Nato a Roma, si è successivamente trasferito a Milano. Ha iniziato a pubblicare video su YouTube da giovanissimo e oggi ha un canale seguito da 1 milione e mezzo di iscritti.

Ha girato molti video legati alla passione per i viaggi e in particolare per la montagna, cosa che lo ha portato a diventare l’autore della colonna sonora dei Mondiali di Cortina 2021 (poi ripresa per gli highlights di Champions League e Formula 1).

Con il progetto Wanderlust Laurini si pone l’obiettivo di raccontare luoghi, mete e destinazioni e Roma è al centro di questo progetto. Il racconto viene sviluppato attraverso la commistione delle arti. Dalla musica, all’arte pittorica, passando per l’arte scultorea e l’architettura, l’evento prende Michelangelo Buonarroti come modello per narrare il patrimonio artistico della capitale italiana. La stella del logo Wanderlust si unisce così a quella ideata da Michelangelo per Piazza del Campidoglio attraverso un progetto che vede nuovamente in Roma il simbolo di un’Europa, che nella città eterna ha siglato il proprio atto di nascita.