Valorizzazione del Tevere, ecco gli interventi

71

Riparte il lavoro per la valorizzazione del Tevere. La Giunta di Roma Capitale ha approvato una memoria con gli indirizzi per la predisposizione di un piano strategico e operativo riguardante, appunto, il fiume.

Il Tevere costituisce uno dei principali assi di sviluppo della città del futuro, sia in termini di ecosistemi e sostenibilità ambientale, sia in termini di riqualificazione del territorio e di valorizzazione per il turismo e per il tempo libero. Per questo motivo, riprendendo uno degli ambiti di valorizzazione strategica del Piano Regolatore Generale di Roma, e in linea con i progetti attivati dal Contratto di Fiume promosso dalla rete di “Agenda Tevere”, con questa memoria si intende dare mandato ai Dipartimenti coinvolti (Programmazione e Attuazione Urbanistica, Tutela Ambiente) per la definizione di un ‘set’ di obiettivi strategici e azioni progettuali, la redazione di uno strumento conoscitivo e di inquadramento che coordini i progetti in corso e di prossima realizzazione e, infine, la redazione di una nuova e aggiornata “Carta degli obiettivi e delle azioni progettuali”.

Gli obiettivi: rideterminare il rapporto tra Roma e i suoi fiumi, per lungo tempo ignorato o sottovalutato; restituire alla fruizione pubblica ampie aree a ridosso del Tevere (grazie al futuro piano, al lavoro congiunto con la Regione Lazio e al prossimo Giubileo, che nel Tevere individua uno dei principali assi di finanziamento); e dunque sistemare banchine e muraglioni, riqualificare gli argini, rifunzionalizzare i percorsi ciclabili e le ‘trasversali’ dal Gianicolo e dall’Aventino, i ‘parchi di affaccio’ di Marconi-San Paolo-Foro Italico e della confluenza delll’Aniene; ripensare il Tevere come ecosistema, valorizzando il grande patrimonio verde che accompagna il corso del fiume.