Cioffredi a Tor Bella Monaca, le mafie occupano lo spazio della cultura e dello sport

290

Alla presentazione alla libreria le Torri di Tor Bella Monaca dei libri di Giampiero Calapà – giornalista del Fatto Quotidiano- “A un passo da Provenzano” e di Nello Trocchia -giornalista di Domani – “Casamonica” era presente anche Gianpiero Cioffredi, Presidente dell’Osservatorio Tecnico Scientifico per la Sicurezza, la Legalità e la Lotta alla Corruzione della Regione Lazio. Durante il suo intervento Cioffredi ha sottolineato la pericolosità delle infiltrazioni delle mafie negli spazi dello sport e ha ribadito l’importanza di investimenti “sulla cultura, la bellezza e l’opportunità”, più che sull’apertura di nuove caserme. Il Presidente ha ricordato come solo nei primi sei mesi del 2020 siano state scoperte circa  seimila operazioni illecite, probabilmente frutto di attività di riciclaggio per un valore complessivo di cinque miliardi.

I clan sono sempre più presenti negli ambienti sportivi, ne è un esempio il caso di uno dei fratelli Marando, membro della ndrangheta e presidente della squadra di calcio si San Basilio. Cioffredi ha spiegato come i boss stanno di accrescendo il consenso tramite la musica trap e i social network.