Decapitò la testa alla moglie, il suo DNA è stato trovato su altre due donne uccise in Veneto

127

L’assassino che nel 2006 decapitò l’ex moglie a Tor Bella Monaca è il responsabile anche di un caso avvenuto nel 1998 sulla spiaggia di Rosolina Mare, in provincia di Rovigo: vennero trucidate due donne, Elisea Marcon e la figlia adottiva Cristina De Carli. La scoperta sconvolgente è arrivata dopo la morte in carcere di Gaetano Tripodi, l’uomo condannato all’ergastolo per aver tagliato la testa all’ex moglie Patrizia Silvestri, trovata cadavere in una stazione di servizio lungo via Casilina all’alba del 3 maggio del 2006.

Come da prassi, il suo profilo genetico è stato prelevato ed inserito nella banca dati della polizia criminale che dal 2016 contiene i profili di tutti gli arrestati per qualsiasi crimine. In questo modo è avvenuto il collegamento tra i delitti.