Anche noi di What’s Up!Media sosteniamo la solidarietà in un momento cosi difficile per il nostro territorio.

0
44

Il 10 Aprile il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha annunciato di aver firmato il nuovo dpcm con cui vengono prorogate fino al 3 maggio le misure restrittive sin qui adottate per il contenimento dell’emergenza epidemiologica da Covid-19. La redazione della testata giornalistica di What’s Up!Media non è rimasta con le mani in mano ed ha deciso di scendere in campo in prima linea, questo è il comunicato del nostro Direttore Responsabile Loris Scipioni:

“Stiamo vivendo un difficile momento che inevitabilmente sta condizionando la vita quotidiana di ognuno di noi, modificando le nostre abitudini e facendoci sentire isolati proprio in un momento in cui avvertiamo invece un forte bisogno di vicinanza. Tutti noi abbiamo visto interrompersi in maniera brusca la nostra quotidianità, le nostre relazioni e il nostro lavoro. Noi di What’s Up!Media ci siamo interrogati: cosa possiamo fare per essere attori in questo momento cosi difficile per tutti?

Un momento dove ognuno di noi è chiamato a dare il massimo per il bene proprio, della propria famiglia, dei propri amici, del nostro territorio e di tutto il Paese. In seguito all’ultima conferenza stampa del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, con cui prorogava il lockdown fino al 3 maggio, abbiamo deciso di scendere in campo in prima persona, “sporcarci le mani” e mettere tutto ciò che abbiamo a disposizione per il bene della cittadinanza e dei più deboli. Perché l’informazione è anche sporcarsi le mani misurandosi direttamente con le problematiche che siamo chiamati a risolvere. Noi intendiamo il giornalismo come un servizio pubblico, uno strumento di costruzione di un bene superiore e di una buona società, una società che vive nel nostro immaginario e che poi deve essere riportata concretamente nella vita reale. Oggi la società è lacerata e dobbiamo far vivere in ognuno di noi una nuova narrativa che diventi virale e si connetta con tutti e non solo con i propri simili. Il nostro solito strumento di lavoro ovvero le parole oggi da sole non bastano, per questo diciamo no alla cultura del “ME NE FREGO” , no al “SONO AFFARI LORO”, perché quello che ci sta accadendo sono affari di tutti, chi subisce una ferita è la mia e la nostra ferita. Vogliamo essere in questo momento gli antagonisti del silenzio e trasformare il nostro dolore in aiuto vero per gli altri. Non possiamo solo prendere dal nostro territorio, ora è il momento di dare qualcosa in più della semplice e importante informazione, noi qui siamo nati, qui lavoriamo, qui abbiamo dato ossigeno alle nostre passioni ed è giusto che anche noi oltre a fare informazione scendiamo in campo per dare un contributo reale e concreto per tutti.

In questo momento è chiaro che il supporto reciproco è la nostra arma vincente! Per questo tutta la redazione di What’s up!Media unita ha deciso di supportare il Banco Alimentare dell’Associazione Sguardo al Futuro cedendo gratuitamente i propri locali come magazzino per ricevere e stoccare, le sempre più richieste, derrate alimentari mai così importanti come in questo momento di crisi economica e di grande disagio sociale dove le persone più fragili sono quelle che ne pagano, come sempre, di più le conseguenze.

Oggi, come ieri e come domani noi di What’s Up!Media siamo e saremo sempre al fianco di tutti i cittadini per dare il supporto e le risorse necessarie che servono per superare questo periodo cosi complicato ed aiutarci per essere tutti insieme pronti ad una ripresa che sarà Grande per tutti noi, nessuno escluso.  Uniti si vince!”