Toyota C-HR HYBRID allestimento Trend: due cuori una sola anima

0
143

Come si colloca nell’universo dell’elettrico:

Questo crossover compatto della nota casa Giapponese, sta conquistando da diverso tempo le nostre città. Cosa ha favorito tale successo e come è riuscito con le sue dimensioni a dominare l’habitat cittadino sono due domande molto interessanti da porsi. Le risposte sono molteplici; una sicuramente sta proprio nella sua natura ibrida, dunque sia il peso (circa 1400kg) che le dimensioni, sono compensate nei consumi e nell’accelerazione dall’unione dei due motori che la muovono: uno termico a benzina da 1800cc e un’unità elettrica, insieme erogano ben 122cv. Quest’ultimo dona alla macchina sia una silenziosità elevata fino a 50km/h (o comunque fin quando non si affonda il pedale dell’acceleratore) che uno scatto da fermo veramente notevole. A differenza delle auto elettriche “pure” BEV (dotate solo di un motore elettrico, ricaricabili esclusivamente tramite presa di corrente) le IBRIDE posseggono due motori, uno termico tradizionale e uno elettrico. Le Ibride possono essere “PLUG-IN”, o PHEV, (con il motore elettrico ricaricabile sia con presa di corrente che in movimento) oppure Full Hybrid  come questa Toyota,  con  un motore elettrico autoalimentato  esclusivamente in movimento. Queste ultime ad oggi stanno conquistando il mercato alla luce della scarsa autonomia in modalità puramente elettrica ma anche a causa di un ritardo infrastrutturale sul territorio che consiste in una carente installazione di colonnine per la ricarica veloce nei punti focali delle città.  Il motore elettrico utilizza l’energia ricavata in movimento da un generatore che nella fase di frenata immagazzina tale energia in grandi batterie al litio, alloggiate sotto al bagagliaio e ai sedili posteriori e da riutilizzare nella spinta motrice.

Dotazione della Trend:

Tra le caratteristiche della C-HR Hybrid Trend troviamo una dotazione di serie veramente completa: sistema di” Pre-collisione”, sistema di rilevamento pedoni, air-bag per le ginocchia guidatore, attacchi Isofix, sensori di superamento corsia, cerchi da 18’, clima automatico bi-zona, chiave elettronica, sistema di anti arretramento in salita, cruise control adattivo, abbaglianti assistiti, telecamera che riconosce i segnali stradali, mp3/ aux/ usb/ Bluetooth e telecamera posteriore.

Impressioni alla guida:

Questa piccola suv già caratterizzata dal suo stile dirompente, nel 2018 si arricchisce con questo allestimento trend ancora più completo. La discreta altezza da terra non fa temere le buche o irregolarità dell’asfalto ormai tipiche delle strade cittadine. La vettura domina dall’alto la strada con i suoi grandi cerchi da 18 pollici (di serie), la linea è filante quasi da coupé con un tetto (di colore diverso dalla carrozzeria) molto spiovente, il tutto contribuisce a dare una linea veramente dinamica al mezzo. Alla guida rivela un assetto di indole sportiva, infatti grazie alla piattaforma TNGA che abbassa notevolmente il baricentro dell’auto (il più basso della categoria), si dimostra agile e ben piantata a terra in curva, mostrando un rollio veramente contenuto anche alle andature sostenute. Grazie all’unità elettrica il 1800 a benzina riesce a percorrere 100km con 3,8 litri di carburante nel ciclo combinato, questo permette al veicolo di avere   una notevole autonomia e allo stesso tempo avere emissioni bassissime (86g/km di CO2) che le consentono di rispettare le normative più rigide sull’inquinamento e quindi dare una mano all’ambiente. Unico neo è la trasmissione con un cambio automatico che penalizza un po’ le prestazioni in favore di una guida fluida e attenta ai consumi.

 

Prezzo da 23’400€